Napoli – Palermo 2 a 0: partenopei più vicini alla Champions

Il Napoli detta il ritmo, vince 2-0 al San Paolo contro il Palermo e obbliga le dirette concorrenti per il terzo posto a fare altrettanto oggi. A dire il vero, impegni non proibitivi per Inter, Lazio e Udinese che dovranno vedersela rispettivamente con Parma, Siena e Cesena, anche se l’unica che potrà contare sull’appoggio del pubblico di casa sarà la squadra allenata da Edy Reja. Riusciranno a tenere il passo della compagine partenopea?

Intanto gli azzurri. Mazzarri è stato chiaro: queste ultime tre partite sono tre finali e bisogna vincerle tutte. La prima è vinta. Il tecnico di San Vincenzo si affida alla formazione tipo. Le uniche due novità sono rappresentate da Fernandez in difesa (al posto dell’infortunato Campagnaro) e da Pandev in attacco, che prende il posto del Pocho Lavezzi che, per scelta tecnica, si accomoda in panchina. Mutti deve affidarsi ad una difesa molto giovane che cerca di proteggere affollando il centrocampo. In attacco spazio alla coppia Hernandez-Ilicic.

La prima occasione è del Napoli. Pandev da destra si accentra, arriva Inler che calcia da 20 metri, ma l’interno sinistro dello svizzero si blocca sull’incrocio dei pali. Il Palermo reagisce subito. Bertolo vince il duello sulla fascia con Maggio, entra in area e crossa basso. Raccoglie Ilicic che calcia dai 9 metri, ma De Sanctis fa una grande parata. L’azione non è finita, riprende Pisano a destra, cross e colpo di testa di Hernandez, ma ancora una volta il portiere azzurro salva la sua porta.

E’ l’unico sussulto del Palermo. Al 16′ arriva il primo goal per il Napoli. Pandev entra in area, il suo cross è intercettato da Milanovic con il braccio. Per l’arbitro è rigore, ma la distanza dal macedone è ravvicinatissima, inoltre prima la palla è carambolata sulla gamba del difensore. Il Palermo protesta, ma Cavani va sul dischetto e non sbaglia. Il Napoli sale in cattedra e nobilita il vantaggio, al 36′ poi arriva il raddoppio. Splendido assist di Pandev che, spalle alla porta, serve Hamsik che sigla il 2-0 e il nona marcatura in campionato. Il primo tempo finisce così.

Nella ripresa quei pochi che si attendono una reazione del Palermo restano delusi. Il Napoli gestisce partita ed energie e sfiora più volte il terzo goal. Ci va vicino il capitano Cannavaro, che manca di pochissimo una deviazione su assist al bacio di Hamsik, e Cavani, che non concretizza un contropiede micidiale. A un quarto d’ora dalla fine c’è spazio anche per Lavezzi, accolto con un boato dai 40mila del San Paolo. Nel finale l’arbitro annulla giustamente una rete ad Hernandez per fuorigioco, mentre De Sanctis è sempre attento sulle conclusioni di Zahavi.

Finisce a reti inviolate l’altro anticipo di campionato tra Chievo e Roma. La squadra capitolina, sotto il diluvio, conquista un punto che non serve a niente e che la obbliga ad abbandonare anche le ultime speranze legate al sogno Champions.

 

Commenta