Napoli – Cesena : a fatica gli azzurri, delude Vargas

Il Napoli fatica, ma batte il Cesena e accede ai quarti di Coppa Italia dove incontrerà la vincente di Inter-Genoa (in programma il 19 gennaio). Il Cesena, in versione baby, perde ma per più di un’ora sfiora l’impresa al San Paolo e nel primo tempo tiene sotto scacco la squadra azzurra. L’incontro è stata anche l’occasione per vedere all’opera il neo acquisto del presidente De Laurentiis, il cileno Edu Vargas. Il secondo classificato al Pallone d’oro sudamericano (alle spalle di Neymar) resta in campo per tutto il primo tempo, ma delude le aspettative. Ha bisogno di altro tempo per entrare nei meccanismi della squadra.

Primo tempo che comincia bene per la squadra di casa. Al 7’ Hamsik sfiora il vantaggio su cross di Dossena, ma tre minuti dopo è Bogdani ad impensierire la retroguardia azzurra: conclusione da fuori area che Rosati (prende il posto di De Sanctis che abbandona la sua porta dopo 111 partite di seguito) para in due tempi. Il Napoli soffre e al 20’ arriva il goal del Cesena. Vargas tocca una palla all’indietro e favorisce l’inserimento di Popescu che di destro batte Rosati. Il Napoli prova a recuperare, ma ha poche idee. Al 39’ ci prova Cavani, ma il suo tiro è murato dal cileno, in evidente stato di confusione.

La ripresa inizia con una sostituzione: esce Vargas, entra Pandev. E il Napoli cambia faccia. Spinge e chiude il Cesena nella propria metà campo. Al 5’ Dzemaili mette una palla al centro per Cavani, che viene anticipato in calcio d’angolo. Due minuti dopo l’attaccante macedone sfiora il vantaggio con una girata di sinistro che, però, termina alta sopra la traversa. La sensazione è che il Napoli sia nettamente migliorato rispetto al primo tempo, ma manca ancora la spinta sugli esterni che caratterizza la squadra azzura, così Mazzarri richiama uno spento Inler in panchina e getta Maggio nella mischia.

Al 20’, dopo una pericolosa azione del Cesena che potrebbe segnare il doppio vantaggio per la squadra bianconera, arriva il pareggio del Napoli. Punizione di Pandev solo respinta da Ravaglia. Ne approfitta Cavani che ribadisce a rete. Il Napoli ritrova fiducia e al 42’ Zuniga conquista una punizione al’altezza del vertice destro dell’area. Tira di nuovo Pandev. Ravaglia respinge, ma ha già superato la linea. I giocatori del Cesena protestano, ma l’assistente dell’arbitro assegna il goal al Napoli. È il 2-1 che chiude la partita e che porta il Napoli ai quarti di Coppa Italia.

Commenta