Juventus imprecisa e sprecona: con il Cagliari è 1-1

Dopo la sofferta vittoria di Lecce, per la Juventus di Antonio Conte arriva un pareggio, anche questo sofferto, contro il Cagliari,
tra le mura amiche dello Juventus Stadium. Le squadre non andranno oltre all’1-1, maturato grazie alle reti realizzate da Vucinic dopo soli sette minuti e da Cossu, in apertura di secondo tempo.

La partita inizia nel segno della Juventus, che in avanti schiera i soliti tre: Pepe, Vucinic e Matri, che un anno fa lasciava il Cagliari
proprio per trasferirsi in bianconero. Dopo 7 minuti i bianconeri di Conte danno vita ad una splendida azione, che vede protagonisti Pepe, Marchisio e Lichtsteiner; proprio quest’ultimo, solo davanti ad Agazzi, mette al centro e permette a Vucinic di insaccare senza problemi. Il resto della prima frazione continua ad essere a forti tinte bianconere, con Matri che va vicinissimo al
raddoppio, dopo aver approfittato di un errore della retroguardia rossoblu. Sul finire di tempo sono gli uomini di Ballardini a cominciare a farsi vedere dalle parti di Barzagli e soci, con un velocissimo Ibarbo e con Cossu in versione jolly.

Tant’è vero che in apertura di ripresa Ibarbo sguscia via da Pirlo e Marchisio, il pallone terminato in area coccia contro Bonucci, di nuovo disastroso, arriva sui piedi di Cossu che esplode un gran sinistro. Pallone che passa tra le gambe di Barzagli e finisce la sua corsa in rete, con Buffon che non può nulla, nonostante il tentativo di tuffo. Successivamente Ballardini, capito che il punto sarebbe importantissimo, chiama fuori Larrivey e inserisce l’ex bianconero Ariaudo per rafforzare la difesa.

E’ però sempre la Juventus a fare la partita e proprio in chiusura di match ha due occasioni gigantesche. Conte opta per l’inserimento di Del Piero, Krasic e del neo-acquisto Borriello (a proposito, i tifosi l’hanno applaudito e gli hanno anche dedicato un coro durante il riscaldamento): proprio l’ex attaccante della Roma libera Krasic, solo davanti alla porta, ma il serbo riesce nell’impresa di sbagliare, con un sinistro ciabattato malissimo. A trenta secondi dalla fine, su cross di De Ceglie è Vidal a staccare di testa e a mettere fuori, nella disperazione di tutto lo Juventus Stadium. Al termine del match il Cagliari avrà richiesto ben tre calci di rigore, per tre falli di mano, di Bonucci, Barzagli e Pirlo.

Altri due punti persi per la Juventus che ancora una volta in casa, come contro Bologna e Genoa, si arrende al rossoblu e si accontenta di un pareggio. La vittoria dell’Inter nel derby regala comunque alla Juventus il primato in solitaria, ma giocando senza precisione e con difficoltà come contro il Cagliari, i bianconeri dovranno guardarsi bene le spalle da tutti, Inter compresa.

Commenta