Euro 2012: Ucrania – Svezia 2-1

Difficilmente qualcuno ci avrebbe scommesso su, ma dopo la prima giornata l’unica squadra con i 3 punti nel girone D è l’Ucraina. Merito di  Shevchenko, che con una doppietta risponde al vantaggio della Svezia firmato da Ibrahimovic. Nella sfida tra i due rossoneri, passato e presente, vince indubbiamente il secondo. Che qualcuno a Milanello si stia mangiando le mani? Nell’altra partita dell’incontro, Francia-Inghilterra, a vincere, invece, è solo la noia. Finisce con un pareggio (al vantaggio iniziale di Lescott risponde Nasri) che, in un confronto ipotetico con quello tra Italia e Spagna, vede decisamente trionfare quello di domenica pomeriggio.

Francia-Inghilterra. Sono in pochi a darle per favorite nella corsa alla vittoria finale e la partita nel match d’apertura del gruppo D fa capire bene il perché. Francia e e Inghilterra regalano una partita noiosa, senza particolari spunti. Un’unica attenuante ce l’ha l’Inghilterra che ha dovuto rinunciare allo squalificato Rooney, ma l’assenza dell’attaccante non basta a giustificare una prestazione alquanto deludente con una squadra che è apparsa fin troppo rinunciataria. In avvio il gioco è nelle mani dei francesi, ma i transalpinici non riescono ad impensierire la retroguardia inglese. Ed infatti a passare in vantaggio è l’Inghilterra che alla mezz’ora trova il vantaggio grazie a Lescott che sfrutta alla meglio una punizione perfetta di Gerrard.

Pochi minuti e la Francia sfiora il pareggio, che arriva poco dopo con Nasri che dai 18 metri batte il portiere inglese, non particolarmente reattivo. La ripresa è in linea con quanto visto nel primo tempo: la Francia cerca il vantaggio, ma non ci prova mai davvero. Solo due le azioni degne di nota ( prima con Cabaye e poi con Benzema), ma il risultato non cambia.

Svezia-Ucraina. Succede tutto nel secondo tempo nella gara tra la Svezia e l’Ucraina. Il vantaggio degli svedesi arriva al 7′ della ripresa quando Ibra riesce a battere il portiere ucraino con un tocco che anticipa nettamente il difensore. La gioia del rossonero e compagni, però, dura poco. Tre minuti per precisione. Al 10′ Shevchenko colpisce su un cross dalla destra di Yarmolenko e trova il pareggio. Sei minuti dopo si ripete e, sempre di testa, trova il goal di vantaggio sfruttando un angolo dalla sinistra. Ibrahimovic prova a ribaltare la situazione, ma i suoi tentativi non arrivano a bersaglio e, al triplice fischio, a festeggiare sono i padroni di casa dell’Ucraina.

Commenta