Napoli alla prova Chelsea

Febbre Champions a Napoli, dove stasera la squadra di Mazzarri sfiderà il Chelsea di Villa Boas nell’andata degli ottavi di finale. I bookmakers danno per favoriti i partenopei, ma il mister di San Vincenzo è consapevole della forza dell’avversario e non ci sta. “Il Chelsea ha avuto un momento di calo mentale più che fisico – ha dichiarato in conferenza stamapa – è uno di quei malesseri che scompaiono all’improvviso quando è l’ora e i nomi di cui dispone possono fare la differenza”.

Proprio per questo Mazzarri si affiderà ai titolarissimi. Tra i pali torna De Sanctis, dopo la sosta in campionato dovuto ad un leggero attacco influenzale. Solita difesa a tre con Cannavaro, Aronica e uno tra Campagnaro e Grava. Se, infatti, il difensore argentino non dovesse riuscire a recuperare dalla botta presa contro i viola venerdì in campionato, il suo posto sarà occupato da Grava, che così bene ha fatto a Firenze, ma ogni volta che è stato chiamato in causa. Confermato in blocco il centrocampo, con Inler (lo svizzero sembra aver recuperato dallo spaesamento delle ultime apparizioni) e Gargano centrali, e Maggio e Dossena sulla fascia. In attacco spazio ai tre tenori, con Hamsik che agirà sulla trequarti, pronto a dare il via alle azioni offensive firmate (si spera) Cavani e Lavezzi.

Proprio l’argentino ieri si è presentato ai giornalisti. Nonostante il peso delle aspettative di un’intera città (al San Paolo saranno oltre 60mila i tifosi presenti), Lavezzi si è mostrato calmo e consapevole del valore degli avversari: “Per superare il turno dovremo essere perfetti: è una doppia sfida in cui il Napoli non potrà permettersi errori”. Il Pocho, naturalmente, pensa anche al primo goal in Champions: “Lo dedicherei a mio figlio. Ma la qualificazione viene prima di tutto”.

Sul fronte Chelsea, Villa Boas è consapevole che questo confronto vale una stagione. Se dovesse fallire, infatti, il tecnico portoghese correrebbe seri rischi di dover abbandonare anzitempo la panchina della squadra londinese. Per questo motivo metterà in campo una formazione ben organizzata e, soprattutto, molto motivata. In porta ci sarà naturalmente il ceco Petr Cech. Difesa a 4 con Ivanovic e A.Cole terzini, e il nuovo acquisto Cahill e il capitano John Terry come centrali. Centrocampo a 3 con R.Meireles, Lampard e Ramires. Davanti Mata e Sturridge agiranno da seconde punte dietro a Didier Drogba.

Chi avrà la meglio tra la corazzata inglese e la squadra partenopea, una delle poche società in regola con i conti? Per scoprirlo l’appuntamento è per questa sera, alle 20:45.

Commenta